Degenerazione maculare: studio, possibile ridurre iniezioni

09/05/2014

Le iniezioni mensili potrebbero non essere necessarie per i pazienti affetti da degenerazione maculare legata all’eta’, secondo un nuovo studio presentato al meeting annuale dell’Association for Research in Vision and Ophthalmology (ARVO) ad Orlando, in Florida. I ricercatori hanno usato una strategia “treat and extend” per condurre l’indagine, in cui la frequenza delle visite ambulatoriali e delle iniezioni e’ stata adattata alla risposta individuale alla terapia di ogni paziente.

La ricerca, condotta da Sarah Mrejen (Vitreous Retina Macula Consultants of New York), ha seguito un campione di centottantacinque pazienti per tre anni e mezzo. Dai dati e’ emerso che aggiustando visite e iniezioni sulla base delle specifiche esigenze e’ possibile ridurre da dodici a 8,3 volte gli interventi medici per anno. La degenerazione maculare senile e’ la principale causa di perdita grave della vista tra le persone over cinquanta anni nei paesi industrializzati. I risultati della ricerca potrebbero diminuire gli oneri – economici e non – associati alle terapie troppo frequenti.

A cura di Andrea Lupoli

[Fonte: Agi Salute]

dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed