Figli in tarda età per donne più longeve

27/06/2014

Donna gravidaLa possibilità di concepire un figlio in modo naturale in età adulta rappresenterebbe un indicatore della longevità della madre. Questo è quello che si evince da una ricerca della Boston University School of Medicine (BUSM) pubblicato sulla rivista “Menopause”. Dai dati che sono stati raccolti è emerso come le “mamme” che hanno avuto un figlio dopo i 33 anni presentavano maggiori probabilità di vivere più a lungo rispetto a chi invece aveva partorito prima dei 30 anni.

Thomas Perls, autore della ricerca, ha però evidenziato come ciò “non vuol dire che le donne dovrebbero aspettare per avere figli in età più avanzata al fine di aumentare le possibilità di vivere di più, ma solo che l’età in cui si è avuto l’ultimo bambino può essere un indicatore della velocità di invecchiamento. La capacità naturale di avere un figlio tardi indica che il sistema riproduttivo di una donna sta invecchiando lentamente e, di conseguenza, anche il resto del suo corpo”. In una società fortemente schiacciata dalla crisi economica, con coppie che sempre più tardi hanno figli, questa potrebbe rappresentare una piccola ma fondamentale consolazione.

Andrea Lupoli

dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed