Prendersi cura della propria voce e della propria gola

13/07/2016

faringitePrendersi cura della propria voce come di una qualunque altra regione del nostro corpo. Un cambio nella qualità o nel tono della voce può infatti evidenziare un problema, in alcuni casi anche grave. Ne ha parlato il Prof. Gaetano Paludetti, Direttore dell’Istituto di Otorinolaringoiatria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Primario Ospedale Gemelli di Roma intervenendo nel programma “Genetica Oggi” in onda su Radio Cusano Campus, la radio dell’Università Niccolò Cusano.

Professore quali sono le più frequenti patologie a carico della nostra gola?

I problemi della gola sono quasi sempre di tipo infiammatorio, quindi abbiamo le così dette Faringiti, molto frequenti, che si verificano in situazioni di raffreddamento. Esistono persone particolarmente predisposte alle faringiti e sono individui che “soffrono” i cambiamenti climatici. Ci sono poi le faringiti su base allergica e qui il paziente allergico è più predisposto ad andare incontro ad una condizione di infiammazione della gola da allergie. Esistono ancora le “famose” tonsilliti che però sono molto più chiare come diagnostica perché la persone che ha una tonsillite presenta un arrossamento della gola e delle tonsille gonfie con placche che le ricoprono e hanno un forte dolore di gola con febbre. Un’altra patologia della gola, di cui oggi si discute molto, è quella legata al reflusso. Il reflusso gastroesofageo può portare ad una infiammazione della gola con una sensazione di bruciore, raucedine e una tosse stizzosa. In passato si parlava di “Faringite Cronica”, oggi si ritiene siano, e siano state, condizioni legate al reflusso.

Come avviene la diagnosi?

L’unico in grado di “vedere” se c’è reflusso è il gastroenterologo. Noi otorini siamo in grado di desumerlo dai sintomi che il paziente ci riferisce ma raramente abbiamo una visione obiettiva di quello che accade. Il timore è che i reflussi siano un po’ sovra diagnosticati perché appunto l’Otorino non può vedere con i suoi occhi un reflusso gastroesofageo.

ASCOLTA L’INTERVISTA COMPLETA DEL PROF.PALUDETTI

Quanto sono frequenti invece i tumori della gola?

I tumori del “nostro distretto”, di quello di competenza dell’otorino sono molto più rari rispetto ad altre regioni del nostro organismo, però quando capitano se non vengono diagnosticati molto precocemente possono portare a delle gravissime alterazioni della qualità della vita. Immaginare di vivere una vita senza la laringe oppure con la laringe fortemente alterata da una chirurgia mirata alla rimozione della malattia lascia dei reliquati veramente devastanti. Oggi si cercano, anche per questo, delle terapie alternative come i trattamenti radioterapici o chemioterapici.

Le nuove tecnologie hanno trasformato la professione dell’Otorino?

Assolutamente si, io provengo dall’epoca dello specchietto, che era un ottimo mezzo ma aveva molti limiti non ultimo il fatto che infastidiva moltissimo i pazienti. Oggi sicuramente gli endoscopi hanno raggiunto dei livelli di visione incredibili, immagini spettacolari vengono restituite allo specialista.

Andrea Lupoli

dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed