Intervista al Prof. Danilo Toni, Responsabile Unità Neurovascolare Policlinico Umberto I di Roma

30/10/2014

Encefalo con zone illuminateForte di una grande esperienza il Prof. Danilo Toni, Responsabile Unità Neurovascolare Policlinico Umberto I di Roma, intervenendo telefonicamente durante la diretta di “Genetica Oggi“, su Radio Cusano Campus, ha spiegato i dettagli di una condizione grave ma trattabile: L’Ictus Cerebrale; alla luce della recente Giornata Mondiale dell’Ictus.

Prof. Toni, quella di ieri è stata la Giornata mondiale dell’ictus cerebrale. Una giornata quest’anno dedicata alle donne. Perché?

C’è poca ricerca nei trials medici con le donne. Questo rende la malattia più agressiva nei loro confronti. Le percentuali parlano chiaro, oltre il 46% delle donne è colpita da Ictus cerebrale.

Quali i fattori di rischio dell’ictus cerebrale?

Fumo, Obesità, Ipertensione, Sedentarietà, Dislipidemie fra le maggiori cause di Ictus.

Professore parliamo delle Stroke unit (reparti ospedalieri dedicati al paziente colpito da ictus) qual è la situazione negli ospedali italiani?

Situazione diversa, al centro nord sono sufficienti le Stroke Unit e sono degli ottimi centri. Al Sud la condizione è molto più complessa; speriamo però che nei prossimi anni si possa al meglio colmare questo gap.

Andrea Lupoli

dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed