Le 7 regole per proteggere la pelle dal sole

11/07/2014

Estate tempo di vacanze, estate tempo di mare. L’attenzione però non può e non deve andare “in vacanza” alla luce del fatto che importanti patologie della pelle, legate alla scorretta esposizione, sono sempre in agguato. Per questo motivo i dermatologi hanno stilato una breve guida in sette punti per evitare di andare incontro a patologie importanti come la cheratosi attinica: lesione tumorale della pelle causata dall’esposizione ripetuta ai raggi ultravioletti, che colpisce circa il 60% della popolazione generale sopra i 40 anni di età con una storia di prolungata esposizione al sole. Oppure il ben più noto Melanoma, vero e proprio tumore della pelle.

Ecco dunque l’eptalogo da tenere in mente:

1) Prestare particolare attenzione alla condizione della propria pelle, specialmente se ci si è esposti regolarmente al sole per motivi professionali o per hobby;

2) Non trascurare eventuali cambiamenti della pelle, come comparsa di macchie, lesioni e zone a differente colorazione o che presentano sensibilità al tatto;

3) Non trascurare macchie appena visibili o al tatto ruvide e rugose;

4) Non sottovalutare sintomi come prurito, bruciore o sensazione di avere una scheggia nella pelle;

5) Eseguire l’autoesame della pelle scrupolosamente, con l’ausilio di uno specchio e di una buona illuminazione prestando attenzione anche a zone meno visibili (come per esempio orecchie e cuoio capelluto);

6) Adottare le precauzioni per proteggere la pelle dal sole come l’uso di creme solari con un fattore di protezione sia per i raggi Uvb che per quelli Uva e limitare l’esposizione nelle ore centrali;

7) Rivolgersi sempre al dermatologo in caso di macchie o lesioni sospette, che tendono a non guarire.

Andrea Lupoli


dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed