Arriva la “Super Amniocentesi”

07/11/2014

Ecografia 3D del fetoUna amniocentesi tutta nuova capace di “scovare” l’80% delle malattie genetiche contro il 7% di quelle avidenziabili oggi con la classica villocentesi e amniocentesi. Ne ha parlato il Prof.Claudio Giorlandino, Segretario Generale SIDIP, (Italian college of fetal maternal medicine) intervenuto durante la diretta di “Genetica Oggi” su Radio Cusano Campus -89.100 FM-

Prof.Giorlandino, presentata a Roma poco tempo fa una super-aminocentesi e villocentesi per diagnosi prenatale. Ci può spiegare di cosa si tratta?

In gergo si chiamano Next generation prenatal diagnosis (Ngpd) e grazie a questi strumenti è oggi possibile studiare l’intima struttura del nostro Dna, in questo caso del nascituro.

Quante e quali patologie è possibile diagnosticare con questa nuova metodica?

Numerose, da quelle più “semplici” alle più complesse e rare. Io credo che arriveremo anche al 100% delle patologie genetiche nel giro di poco tempo.

Professore molte future mamme si sottopongono a test prenatali tramite prelievo ematico (come il bi-test) ci può spiegare la differenza?

Il bi test è un test valido e le gestanti fanno bene a sfruttare questa possibilità. Però alcuni esami effettuati con prelievo ematico (prelievo di sangue) della futura mamma usano dati statistici. Amniocentesi e Villocentesi studiano in modo specifico e diretto il feto e il suo Dna.

Andrea Lupoli

dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed