Vaccinazione antinfluenzale: Parla la Prof.ssa Susanna Esposito

13/10/2016

Susanna Esposito VaccinazioniSi avvicina il periodo delle vaccinazioni contro l’influenza stagionale per gli adulti over 65, gli anziani e i malati cronici. Cosa conoscere per una vaccinazione consapevole? Ne ha parlato la Prof.ssa Susanna Esposito, Presidente Associazione Mondiale Malattie Infettive e disordini immunologici (Waidid) intervenuta durante la diretta del programma Genetica Oggi su Radio Cusano Campus.

Prof.ssa Esposito lei è promotrice e curatrice delle prime linee guida in adulti e anziani. Cosa significa?

La vaccinazione oggi non viene vista più solo per i bambini, ma viene vista come l’approccio preventivo più efficace che esista anche in persone di età diverse. In questo caso parliamo di adulti, con patologia cronica, o che svolgono professioni come insegnanti, medici, forze dell’ordine. Questi adulti, anche se in condizioni di salute eccellenti, sono soggetti a rischio di contrarre malattie e a rischio di diffonderle all’interno delle comunità. Nell’anziano abbiamo davanti una persona che vede deteriorarsi il suo sistema immunitario, è chiaro che in individui come questi diventa fondamentale proteggerli con vaccinazioni che devono tenere in considerazione quelli che sono i principali rischi per la loro età oltre che i benefici attesi nell’ottica preventiva. Con le linee guida abbiamo identificato 4 categorie: Gli adulti sani; gli adulti immunocompromessi; gli adulti con condizioni di rischio peculiari (operatori sanitari, insegnanti e donne incinte) e infine gli anziani. In queste quattro categorie abbiamo sottolineato come vengono consigliate le vaccinazioni in termini anche di migliori strategie.

Si prevede una stagione influenzale più severa rispetto a quella dello scorso anno. Come comportarsi?

Il consiglio è sempre quello di vaccinarsi. Posso dire che i vaccini antinfluenzali sono ormai in fase avanzata di produzione. Sono stati già evidenziati alcuni ceppi circolanti. Le raccomandazioni sottolineano l’importanza della vaccinazione antinfluenzale e l’utilità della vaccinazione anche nel bambino, in particolare in quello che frequenta la comunità o che spesso presenta infezioni respiratorie ricorrenti. Le categorie in cui sono raccomandate rimangono le 4 di cui abbiamo parlato.

ASCOLTA L’INTERVISTA COMPLETA ALLA PROF.SSA SUSANNA ESPOSITO

L’influenza può trasformarsi in polmonite?

Certamente sappiamo bene come l’influenza può causare infezioni respiratorie anche di una certa gravità. Questo rimane un problema rilevante di cui tenere conto. Mi piace ricordare in chiusura come uno stile di vita sano e una corretta alimentazione siano due elementi fondamentali per “potenziare” il nostro sistema immunitario.

Andrea Lupoli

dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed