Un nuovo sistema per valutare il rischio di tumore legato a sostanze tossiche

18/08/2014

ricerca scientificaPrevedere il rischio di sviluppare un tumore, dopo esposizione chimica, misurando gli effetti a breve termine dell’esposizione stessa. Una possibilità emersa da uno studio della Boston University School of Medicine (BUSM), della Boston University School of Public Health, del BU Bioinformatics Program e del National Toxicology Program del National Institute of Environmental Health (Usa). I risultati sono stati pubblicati recentemente su Plos One e permetteranno in futuro di ottenere test più semplici e meno costosi per lo screening di sostanze chimiche capaci di provocare il cancro.

I Ricercatori

“Confrontando le risposte ai cancerogeni e non cancerogeni chimici, siamo stati in grado di estrarre una ‘firma’ e un modello predittivo associato alla capacità di discriminare con elevata precisione tra i due” hanno spiegato i ricercatori. “Questo lavoro – hanno continuato – ha confermato che e’ possibile predire il rischio cancro a lungo termine, misurando gli effetti a breve termine”. Adesso la speranza è che si possa velocemente arrivare ad una analisi accurata per valutare il potenziale cancerogeno delle oltre 80.000 sostanze chimiche attualmente in commercio.

Andrea Lupoli

dona adesso universita on line
condividi su facebook condividi su twitter condividi su linkedin condividi su youtube RSS Feed